Zodiaco: Ariete




 

Buonasera raggi di luce , voglio iniziare un nuovo percorso, soprattutto per tenermi impegnata e cancellare le mie ultime delusioni. Iniziando dal lunedi dedicato allo zodiaco, astrologia come due anni fa.
Inizio con il nostro lato magico : una fiaba per ogni segno , iniziando dall'ariete collegata a : 《Il signore degli anelli》.
.
"Il signore degli anelli" è un romanzo fantasy di Tolkien dal contenuto epico che conserva nel suo cuore tutti i tratti più tipici della fiaba ancora più evidenti nelle opere di " Lo Hobbit" e de " Il Silmarilion". Il racconto è stato reso famoso dalla trasposizione cinematografica. Il grande filosofo Elemire Zolla nella prefazione di questa fiaba moderna scriveva : " le fiabe parlano di cose permanenti: non di lampadine elettriche , ma di fulmine. Autore o amatore di fiabe è colui che non si fa servo delle cose presenti".Il Signore degli anelli è la storia della compagnia che si riunisce attorno al suo eroe Frodo che trionferà sull'oscuro signore Sauron e sulla maledizione dell'anello. Si tratta di un romanzo epico, marziale nel più puro senso del termine, che narra battaglie memorabili e gesta incredibili, ma che parla anche dei valori dell'amicizia e dell'unione delle forze, temi cari a Plutone,  l'altro governatore del segno, assieme ai tratti magici e occulti che sono sottesi a tutta la storia. Il racconto di Frodo è la storia della vita stessa, di ogni vita che deve maturare e crescere attraverso le prove della ruota dello zodiaco: è un cammino tra le stelle. Ma c è un'altra caratteristica essenziale che denota questa fiaba come aretina e che deve fare riflettere: quella dell'etica "solare", fatta di luce e ombra, bianco e nero, anzi, bianco o nero.  Questa fiaba non cerca la mediazione fra male e bene, ma soltanto la vittoria sul male! I suoi draghi non sono da assimilare,  da sentire in qualche modo fratelli, ma da anniettare. C è il rifiuto tutto aretino dell' atmosfera degli autori decadenti: consueta, moderna, erotica, intrisa di confusione tra ciò che è giusto e ciò che è ingiusto, androgina, fatta di personaggi " indecisi" dalla vaghe connotazioni morali, incapaci di prendere una posizione. " La sua fiaba" secondo i toni forti di Zolla "non celebra il consueto signore delle favole moderne, Lucifero ma San Michele o Beowulf o San Giorgio ".
In questa fiaba è rappresentata tutta la purezza dell' Ariete come eroe d' esaltazione solare. Ma c è anche la sua visione del mondo che non consente chiaroscuri o sfumature,  né  alcuna mediazione, per cui il bianco che si è " macchiato" non è più bianco. Un tratto di personalità sempre vi fa correre il rischio di trasformarvi da eroi a grandi inquisitori. 

Nessun commento:

Contatore visite

INSTAGRAM FEED